Notizie Utili

Chi sono?  Servizi per le aziende  Servizi per i privati  Dove sono?  Fornitori associati  Indice Annunci 
 
 

invia un messaggio

 

Notizie utili su tecnologie per l'automazione d'ufficio

 

Prove di utilizzo effettuate su vari apparati informatici o telematici

 

 

 

 

 

 

Notizie utili su tecnologie per l'automazione d'ufficio

 

Telefonia IP 

Sapevate che si può chiedere un cavo dati ADSL anche senza possedere una linea telefonica tradizionale? Pochissimi operatori offrono questo servizio in Italia. Questo servizio è alla base per realizzare l'indipendenza da Telecom anche per la telefonia. Voi direte: ma che c'entra? Ebbene su quel cavo dati ADSL, si possono attivare servizi di telefonia IP per azienda e per privati. Ciò vi permetterà di avere uno o più numeri telefonici geografici con segreteria telefonica e i vostri corrispondenti non capiranno la differenza. 

Meditate gente!

 


Servizio di Fax virtuale

Già da diversi anni sono disponibili servizi di invio e ricezione fax virtuale. Questo servizio vi permette di ricevere, e/o inviare messaggi fax anche senza possedere macchine, sistemi fax e linee reali. Esso si realizza sottoscrivendo il servizio presso operatori specializzati. Unica requisito: un indirizzo di posta elettronica valido. 

La flessibilità è notevole: 

  • si stampa solo ciò che serve (butto la pubblicità indesiderata)
  • si inoltra il messaggio fax a terzi se necessario (è utile per qualcun'altro)
  • si paga solo quello che si è effettivamente richiesto (non si pagano i tentativi andati male)
  • utile anche per digitalizzare documenti fuori ufficio (basta inviarsi un fax)
  • si riceveranno i fax anche fuori ufficio (aeroporti, stazioni, netcafè, ecc.)

Ovviamente i vostri abituali corrispondenti non si accorgeranno di nulla.

 

 


 

Archiviazione Ottica Sostitutiva

Finalmente, grazie al completamento del quadro normativo relativo all'archiviazione ottica, da Marzo 2004 è possibile effettuare il processo di conservazione dei documenti (che, ricordiamo, nella terminologia del legislatore indica l'archiviazione ottica sostitutiva) anche rilevanti ai fini tributari.

 


A proposito di: stampa e risparmio ...

"Non bisogna concentrarsi  solo su Hardware e Software, ma anche sui processi di stampa!"

E' quel che afferma IBM in un recente articolo (ott. '03) tratto da "Il Corriere delle Telecomunicazioni"

... e' quello che vado dicendo anch'io da diverso tempo!

 

 


A proposito di: documentazione in formato elettronico....

Dal 1 gennaio 2004 c'e' una grossa novità per le fatture: saranno anche in forma elettronica e verrà archiviata esclusivamente in modo informatico.

Sarete pronti?

Nel ricordarvi che l'Archiviazione e Gestione Elettronica dei Documenti serve anche a questo scopo, vi metto a disposizione la notizia.

Articolo originale dal "Sole 24 Ore" pubblicato il 17 febbraio 2003.

 


Incontri e opportunità

Domenica 23 marzo 2003 si è tenuto un'incontro di lavoro con la delegazione cinese proveniente dalla città di Tianjin in P.S.Margherita (Caorle -VE).

L'incontro è stato organizzato dal nostro studio (Pizzichetti al centro) in collaborazione con l'associazione Kipling di Roma. La delegazione era composta da un folto gruppo di funzionari dello stato cinese in cerca di opportunità di cooperazione nel settore telecomunicazioni e commercio elettronico.

Pizzichetti e il gruppo cinese da Tanjin

Con l'occasione sono stati invitati due nostri partner commerciali: Essentia e Wavelet da Reggio Emilia; questi hanno presentato la loro offerta nel campo delle telecomunicazioni wireless e della sicurezza.

Pizzichetti e il gruppo cinese da Tanjin in aula

La delegazione cinese ha trovato notevole interesse su alcuni aspetti tecnici dell'offerta ed in particolare sul sofisticato ed unico sistema di video-sorveglianza anti-terrorismo di Wavelet.

Pizzichetti e il gruppo cinese da Tanjin con Wavelet

Il titolare di Wavelet (nella foto qui sopra è a sinistra) è stato invitato in novembre ad andare in Cina per effettuare una dimostrazione approfondita!

L'incontro è stato soddisfacente per tutti ed è inutile dire che si è trattato di un'ottima opportunità di lavoro e di commercio.

Contiamo di effettuare presto altri incontri del genere.

 

 

 

 

 

 

 

Prove di utilizzo effettuate su vari apparati informatici o telematici

 

Palmari

Nokia 9300 smartphone 

Qtek 9090 smartphone

 

Periferiche

Multifunzione laser BN OKI B2540 MFP

 

 

 

 

 

 

 

Nokia 9300 smartphone 
(Agosto 2006)

                  

Nokia 9300                                               Palm Zire


Ho deciso di scrivere questa memoria perchè penso possa essere utile a chi si accinge a cambiare palmare, oppure a chi si accinge ad acquistarne uno, visto che quando servivano a me tali informazioni non le ho trovate.

E' più di un anno che mia moglie Sabina possiede il palmare telefono Nokia 9300 ed ora posso descrivere vantaggi e svantaggi, specialmente paragonati al Palm Zire che ha posseduto prima. 

Prima dell'acquisto sono state vagliate diverse ipotesi e a quell'epoca la scelta cadde su questo modello. Non vi nascondo una certa delusione che permane tutt'oggi dovuta alla scarsa personalizzazione dell'apparecchio e alle limitate funzioni del software di sincronia con il PC.

Si tratta di un palmare-telefono con schermo lcd a colori da 640 x 200 pixel NON sensibile al tocco dotato del sistema operativo Symbian in lingua italiana. 

Anche qui, il passaggio da una piattaforma software all'altra (da Palm a Symbian) potrebbe rivelarsi un calvario. Ciò è particolarmente vero se utilizzavate un software per la gestione delle informazioni personali (PIM) diverso da Nokia PC Suite (vedi Palm Desktop), fornito in dotazione praticamente con tutti i telefoni palmari Nokia. 


Utilizzo

Avevamo delle aspettative di maggiore efficienza a passare dal sistema Palm per via della maggior ergonomia del palmare Nokia, e della maggior potenza elaborativa.

Ebbene dico subito che tali aspettative sono andate in parte deluse. Pur riconoscendo che il sistema Nokia è completo e pulito. 

Se qualcosa va storto non si può semplicemente riavviare il palmare, ma sarete costretti a togliere la batteria. 
Non esiste un 'apposito pulsante di soft reset nascosto da qualche parte. Il telefono invece ha il suo pannello anteriore con gli appositi comandi. Dunque possiamo dire che le due funzioni: palmare e telefono, sono nettamente distinte.

Sulla durata delle batterie posso dire che è inferiore alle aspettative: l'autonomia non raggiunge i due giorni di operatività con uso medio delle varie funzioni. Con il Palm Zire si arriva tranquillamente a due settimane! 

Ovviamente il Nokia 9300 ha delle caratteristiche avanzate che non sono presenti nel Palm Zire, motivo per cui è stato scelto. Per esempio è importante la presenza del canale radio Bluetooth, di uno slot per una memoria aggiuntiva e di una piccola ma soddisfacente tastiera, la presenza di un modem fax interno. 

Lo schermo è comodo, anche se decisamente rettangolare. 

Il Nokia 9300 è spento solo quando è senza batteria. Altrimenti l'apparato è sempre accesso (stand-by), fatto salvo il monitor LCD e il telefono GSM.

In pratica, se alla sera volete disattivare un palmare come questo con telefono incorporato, come il Nokia 9300, dovete spegnere il telefono GSM con l'apposito pulsante anteriore, come fosse un normale telefono cellulare.

Operare con questo palmare è abbastanza facile tuttavia e le impostazioni iniziali si possono ottenere richiedendole all'operatore di telefonia pre-scelto che vi invierà alcuni messaggi SMS auto-configuranti. 

La buona tastiera riesce ad agevolare la scrittura di testi. Anche in questo caso, risulterebbe molto più funzionale l'uso di una tastiera esterna pieghevole Bluetooth se si devono scrivere lunghi testi (vedi l'ottima Freedom Keyboard http://freedominput.com).

Non esiste una fotocamera su questo palmare. Tuttavia sarà possibile visualizzare immagini. 


PIM

Fondamentale è il passaggio che riguarda la sincronizzazione tra il PC principale e il palmare, senza del quale questo tipo di tecnologia portatile perde gran parte delle sue prerogative.

Alla base di tutto c'è un software di comunicazione che si chiama Nokia PC Suite che va installato sul PC.

Questo software permette sostanzialmente di comunicare con il palmare quando è collegato al PC, allo scopo di salvarne i dati lì contenuti, e di sincronizzare le informazioni personali tra il software PIM sul PC e quello del palmare stesso.

Come è noto il software PIM contiene principalmente applicazioni come: Contatti, Agenda, Da fare, Note, Posta elettronica. Ora nel nostro caso, il Nokia non ha in dotazione alcun PIM e viene lasciata all'utente la scelta, tra quelli presenti sul mercato. Avendo già dimestichezza con il Lotus Organizer 5, lo abbiamo installato sul PC. 

Purtroppo non è stato possibile importare i dati presenti in Palm Desktop in modo semplice ed accurato, utilizzato in accoppiata con il vecchio Palm, all'interno di Lotus Organizer 5, ora compatibile con il Nokia. Si è dovuto esportare singolarmente tutte le voci presenti in Contatti e in Agenda verso file di testo delimitati. Successivamente tentare l'import dall'interno di Lotus Organizer 5. L'operazione si è rivelata complicata e ha prodotto perdita di dati ed errori.

Abbiamo dovuto risistemare a mano tutte le voci.

La sorpresa poi è arrivata alla prima sincronizzazione con il palmare da PC: dovevamo pur copiare i contatti e quant'altro nel palmare per usufruirne? Qui abbiamo scoperto che il software a corredo con il Nokia 9300, la cosiddetta Nokia PC Suite, ha dei limiti importanti. Cioè non sincronizzerà comunque la posta elettronica presente su Outlook Express, né gli appunti, e né le note presenti nel PIM.

In teoria sarebbe possibile sostituire o affiancare un software di sincronia di terze parti, ma non l'abbiamo cercato. Al momento le note e gli appunti vengono modificati direttamente nel palmare quando è collegato al PC per mezzo di Esplora Risorse di Windows. In questo modo,staccando il palmare le note e gli appunti al seguito saranno aggiornati.

Le difficoltà di passaggio (esportazione- importazione dei dati) incontrate qui riguardano quasi sicuramente anche chi proviene dalla piattaforma Windows, dove il PIM di riferimento è Outlook. Tuttavia se scegliete di utilizzare questo PIM (versione provata 2002), che è compatibile con il Nokia PC Suite, potrete sincronizzare anche la posta elettronica, ma non le note.

Nokia 9300   



Note finali

Il processore di questo palmare è un dual-core OMAP1510 a 150 MHz e conferisce potenza elaborativa sufficiente per molte delle funzioni. Tuttavia risulta lento in molte occasioni, specialmente quando deve aprire file di documenti e quando deve passare da una schermata all'altra o da una applicazione all'altra. La dotazione di memoria interna (64 Mb) ed esterna (90 Mb estraibile) sembra adeguata.

La mancanza dello schermo sensibile al tocco (touch sreen) costringe a manovre spericolate con il comando Joystick. Quest'ultimo è in genere comodo, ma diventa piuttosto impreciso quando si modificano le impostazioni, tanto che spesso si rischia di cambiare parametri importanti involontariamente.

Il programma di posta elettronica curiosamente non permette di eliminare eventuali messaggi in partenza che dovessero rimanere incompleti o non più attuali nella cartella “Posta in uscita”: dovreste spedirli comunque!

Non sarà possibile personalizzare con desktop colorati, suonerie varie e quant'altro l'ambiente di lavoro su questo palmare. Per una donna creativa o un operatore giovane, ciò potrebbe essere un limite importante. Questo palmare sembra progettato piuttosto per uomini d'affari che badano all'essenziale senza concedere nulla al superfluo. 

Tenuto conto delle dimensioni, delle prestazioni, del prezzo e dello scarso software di terze parti disponibile, non consiglierei questo palmare. Ci sono delle valide alternative là fuori.

 

 

 

 

 

 

 

Qtek 9090 smartphone

(Agosto 2006)

                                   

HTC Qtek 9090                                                                Sony-Ericsson P900 


Ho deciso di scrivere questa memoria perchè penso possa essere utile a chi si accinge a cambiare palmare, oppure a chi si accinge ad acquistarne uno, visto che quando servivano a me tali informazioni non le ho trovate.

E' circa un mese che possiedo il palmare telefono Qtek 9090 e già posso descrivere vantaggi e svantaggi, specialmente paragonati al Sony-Ericsson P900 che ho posseduto prima. 

Si tratta di un palmare-telefono con schermo lcd a colori da 3,5'' sensibile al tocco dotato del sistema operativo Windows Mobile 2003 SE (in lingua italiana). Tra l'altro ho scoperto che è praticamente identico ad altri apparati con marchi e modelli diversi come: O2 XdaIIs / MdaIII, iMate PDA2k, HTC Blue Angel, Audiovox 6600, Siemens SX66. Dunque tutte le notizie o gli accessori di questi dispositivi sono intercambiabili.

Premetto che sono abituato al sistema Symbian con dispositivi come i Sony-Ericsson P800 e P900, anche questi con schermo lcd a colori sensibile al tocco, ma da 2,8'' . 

Se da un lato ci sono delle ovvie differenze hardware e software tra i due telefoni palmari, con cui si familiarizza in breve tempo, il passaggio da una piattaforma all'altra potrebbe rivelarsi un calvario. Ciò è particolarmente vero se utilizzavate un software per la gestione delle informazioni personali (PIM) diverso da Microsoft Outlook (vedi Lotus Organizer), fornito in dotazione praticamente con tutti i telefoni palmari Windows. 


Utilizzo

Avevo delle remore a passare al sistema Windows perchè avrei dovuto abbandonare le applicazioni software acquistate nel tempo, come database, mappe digitali, dizionari, ecc... Tuttavia ho una speranza di ottenere una licenza anche per la versione Windows di questi software. Inoltre perché il sistema Windows per palmari era generalmente ritenuto inferiore dalla comunità tecnica in fatto di stabilità e sicurezza dei dati. Poi temevo per la scarsa durata delle batterie, di cui avevo letto.

Ebbene dico subito che devo ricredermi. Il sistema Windows si è dimostrato versatile e completo. 

Sulla durata delle batterie posso dire che è superiore alle mie aspettative l'autonomia e raggiunge mediamente i due giorni di operatività con uso medio delle varie funzioni. Con il P900 arrivavo a cinque giorni! Ho anche una seconda batteria nuova di scorta, ma per ora penso che non la utilizzerò. Questo è un sollievo.

Ovviamente il Qtek 9090 ha delle caratteristiche avanzate che non sono presenti nel P900, motivo per cui l'ho scelto. Per esempio è importante la presenza del canale radio Wi-Fi (802.11b), oltre quello Bluetooth e GSM, di uno slot SDIO (cioè con funzioni che vanno al di là del semplice inserimento di una scheda di memoria), di una piccola tastiera estraibile, la presenza di un modem fax interno. 

Sullo schermo devo dire che, nonostante esso sia solo un po' più grande del P900, la differenza in meglio c'è eccome su dispositivi portatili come questo. Ciò è particolarmente vero per la navigazione Internet, la lettura di testi, e la visione di filmati e fotografie. Tra l'altro l'ho utilizzato anche in spiaggia sotto il sole di agosto grazie all'elevato contrasto dello schermo LCD.

Dal punto di vista software, c'è il correttore ortografico a disposizione per tutti i testi, compreso gli SMS, e la digitazione facilitata con il riconoscitore della scrittura manuale.

Per quanto riguarda il passaggio da un software PIM (Personal Information Manager) all'altro riferirò più sotto. 

Ho sperimentato che se si toglie la batteria principale a palmare acceso o spento, rischiamo la perdita dei dati e delle impostazioni. Ciò nonostante la presenza di un batteria ricaricabile interna. Teoricamente essa dovrebbe mantenere attiva la memoria RAM per venti minuti, ma in pratica non è sempre così. Diversamente da quanto accade con il P900, infatti qui i dati sono in memoria RAM e dunque sono volatili. Nel P900 non si rischia nulla a togliere la batteria a palmare spento o anche da acceso in effetti. Per evitare disastri con la piattaforma Windows è assolutamente necessario effettuare frequenti salvataggi (Backup ogni settimana) con l'apposita funzione in ActiveSync. Inoltre utilizzare le utilità di salvataggio permanente all'interno del palmare Qtek che aiutano a recuperare i contatti e l'agenda proprio nel caso di perdita dei dati. 

In pratica, quando il P900 è spento, lo è a tutti gli effetti. Mentre il Qtek con Windows è spento solo quando è senza batteria. Altrimenti l'apparato è sempre accesso (stand-by), fatto salvo il monitor LCD e il telefono GSM. Dunque a togliere la batteria si rischia di far male.

A questo proposito devo riportare che all'inizio è stato difficile capire come spegnere correttamente il dispositivo, visto che il manuale su questo punto non è affatto esauriente. Dopo un paio di giorni ci sono arrivato. In pratica, se alla sera volete disattivare un palmare Windows con telefono incorporato, come il Qtek 9090, dovete mettere il telefono GSM in “modalità aereo”. Tutto qui. Tra l'altro per far questo non esiste un apposita funzione, ma poco intuitivamente, bisognerà fare tap sull'icona dell'antenna GSM e poi ordinare la “modalità aereo” nel box di dialogo. 

Per accendere bisogna fare il contrario. Pigiare il pulsante di accensione del palmare e poi fare tap sull'icona dell'antenna GSM, quindi disattivare la “modalità aereo”. Il tasto di accensione del palmare perciò mette solo in attesa o ripristina il palmare, ma non il telefono!!

Le impostazioni iniziali del Qtek 9090 per operare con il telefono GSM ed il modem GPRS sono facili da inserire, grazie anche al supporto offerto dall'importatore Dangaard (http://www.pocketdevice.it/).

Dal punto di vista ergonomico, mi manca molto la rotellina laterale del P900 che mi permetteva un' ottima funzione di scorrimento (scroll) e conferma ogni qualvolta si rendeva necessario. Soprattutto ciò era possibile con una sola mano. Per esempio di fronte ad un elenco lungo di contatti che iniziano per P, con il palmare Windows siete costretti a fare tap sulla barra di scorrimento fino a quando troverete il contatto desiderato, e dunque occorre l'ausilio delle due mani. Con il P900 era molto più semplice. E pensare che il controllo del volume presente sul palmare Qtek 9090 poteva essere programmato anche a questo scopo. Si vede che i progettisti della Qtek non hanno mai usato un palmare Sony Ericsson serie P800-P900 !!

La parte radio Wi-Fi è risultata semplice da configurare ed utilizzare. Lo stesso vale per la parte Bluetooth, anche se è più complicata da gestire. L'apparato non scalda molto se utilizzato a lungo con le vie radio accese e neppure consuma molto le batterie.

La particolare tastiera estraibile, pur essendo piccola e dunque limitata, riesce ad agevolare occasionalmente la scrittura di testi. Molto più funzionale risulta l'uso di una tastiera esterna pieghevole Bluetooth se si devono scrivere lunghi testi (vedi l'ottima Freedom Keyboard http://freedominput.com).

Una lieta sorpresa riguarda la fotocamera. Le foto scattate con questo palmare sono in modalità VGA e risultano buone anche quando trasferite su PC. Stesso discorso vale per la videocamera che produce filmati di buona qualità complessiva in formato Mpeg4. Tutto ciò non posso dirlo del P900.

Tuttavia mi sembra di essere tornato indietro alla piattaforma Windows 98 sul PC quando era necessario spesso riavviare a causa di un errore su di un programma. Qui succede la stessa cosa. A volte non va il telefono: cioè non sento nulla rispondendo ad una chiamata o dopo averla fatta. Se riavvio con l'apposito pulsante (soft reset) nascosto sotto il guscio, il telefono torna magicamente a posto. Oppure se non va la connessione ad Internet via GPRS: basta riavviare! Sul P900 non succedeva praticamente mai! Se utilizzate spesso anche connessioni Bluetooth, preparatevi a riavviare almeno una o due volte al giorno!

Registro una interferenza sul mio PC tra Outlook 2002 e OpenOffice 2. Infatti se il secondo è attivo Outlook non riuscirà a caricare. 


PIM

Fondamentale è il passaggio che riguarda la sincronizzazione tra il PC principale e il palmare, senza del quale questo tipo di tecnologia portatile perde gran parte delle sue prerogative.

Alla base di tutto c'è un software di comunicazione che si chiama Microsoft ActiveSync e ad oggi è arrivato alla versione 4.2. Mentre nel CD in dotazione ho trovato una versione più vecchia, e cioè la 3.7.1. Teoricamente uno dovrebbe installare l'ultima disponibile nella lingua di interesse (italiano nel mio caso), ma non è detto. Infatti nel mio caso per questioni di compatibilità ho potuto aggiornarla solo fino alla versione 3.8, scaricandola gratuitamente dal sito web Microsoft.

Questo software permette sostanzialmente di comunicare con il palmare quando è collegato al PC, allo scopo di salvarne i dati lì contenuti, e di sincronizzare le informazioni personali tra il software PIM sul PC e quello del palmare stesso.

Come è noto il software PIM contiene principalmente applicazioni come: Contatti, Agenda, Da fare, Note, Posta elettronica. Ora nel mio caso, il problema è stato passare dal PIM Lotus Organizer 5, che utilizzavo in accoppiata con il P900, al PIM Outlook 2002 a causa dell'incompatibilità tra ActiveSync e appunto Lotus Organizer. 

In teoria sarebbe stato possibile rendere compatibile questi due ultimi software, acquistando un terzo software che si chiama Intellisync. In pratica l'ho provato e purtroppo non si riesce ad a raggiungere lo scopo per difficoltà tecniche specifiche (Qtek 9090, ActiveSync 3.8 e Lotus Organizer 5), anche con l'aiuto dell'assistenza tecnica del fornitore del software.

Dunque non mi è rimasto che importare i dati in Outlook da Lotus Organizer con l'apposita funzione e abituarmi ad operare con il nuovo PIM. Mi sono accorto poi, che ci sono delle inconsistenze nei dati in seguito a questa operazione. Per esempio tutti i numeri di telefono memorizzati in Contatti che avevano il prefisso internazionale 0039, sono stati ora memorizzati solo con 39. Perciò quando cerco di chiamare quei contatti mi risulta in “numero inesistente” dalla rete. Conclusione: sto modificando a mano uno per uno i contati interessati dal problema man mano che mi serve chiamarli.

Le difficoltà incontrate qui riguardano quasi sicuramente anche chi proviene dalla piattaforma Palm, dove il PIM di riferimento è Palm Desktop. Oppure per chi passa dalla piattaforma Nokia dove il PIM di riferimento è Nokia PC Suite.

HTC Qtek 9090      

 


Note finali

Il processore di questo palmare è un Intel PXA263 a 400 Mhz e conferisce potenza elaborativa più che sufficiente per tutte le funzioni. Anche la dotazione di memoria di 128 Mb sembra adeguata.

Si fa fatica a trovare accessori importanti per questo palmare Qtek, come l'attacco per l'auto (cradle) con l'attacco d'antenna GSM esterna o l'auricolare monoaurale per l'uso in auto o in mobile. Ho risolto il problema cercando presso il sito di commercio elettronico www.expansys.it . Qui ho trovato quello che mi serviva sotto il marchio proprio ORA. Per il Sony-Ericsson, a suo tempo, è stato tutto facile invece.

Da notare che non è possibile il cambio lingua, diversamente dal P900. Dunque se interessa in italiano deve essere acquistato così all'origine.

Anche questo palmare è sprovvisto di funzioni dirette di stampa dei documenti. Tuttavia risulta più facile rimediare a questa mancanza tramite software di terze parti disponibile sul mercato. Ciò è vero anche per la migliore disponibilità di driver per stampanti professionali, come le micro-stampanti a trasferimento termico utilizzate per le “comande” nel settore turistico – alberghiero.

La disponibilità di software per la piattaforma Windows su palmare è decisamente superiore a quella per il P900. Devo rilevare però che esso risulta piuttosto costoso rispetto alle ridotte funzioni possibili su questi apparati.

Tutto sommato sono già molto soddisfatto del cambio palmare e consiglio a chiunque questo modello.

Nota del 21/06/2007

Con l'aggiunta del programma per navigare su Internet (browser) Opera 8.6 (shareware), sono stati risolti tutti i problemi riscontrati con Internet Explorer in dotazione. Ora funziona la visualizzazione di tutti quei siti web che usano i pop-up. Quindi non ci sono più problemi per l'accesso a certi hot-spot WiFi pubblici. E' aumentata anche la velocità e migliorata la compatibilità generale con i file html. 

 

 

 

Multifunzione laser BN OKI B2540 MFP

(giugno 2007)

 

 

La presente memoria è frutto dell'installazione e conseguente prova in ambiente di lavoro 
della macchina multifunzione laser in bianco in bianco e nero nel titolo. 

Si tratta di macchina con formato carta A4, una velocità stampa di 16 pagine per minuto, 
una risoluzione di 600 x 600 dpi e con 64 Mb di memoria Ram.

Questo dispositivo, stampa da PC via USB e dalla rete locale, opzionalmente via radio WiFi 
con apposito adattatore da comprare a parte; inoltre scansiona documenti in BN e a colori 
da lastra piana o ADF (alimentatore autom. dei fogli) solo via USB; Copia in locale, anche 
senza PC, documenti da lastra o ADF in bianco e nero; infine faxa in locale o da PC (via 
USB) da lastra o ADF documenti in bn o colore. 

Sebbene in decadenza le trasmissioni fax, questa macchina possiede una gestione fax allo 
stato dell'arte, dunque è piuttosto sviluppata e quindi adatta anche per uso avanzato e 
intensivo.

A fianco alle citate funzioni, piuttosto comuni in questo tipo di macchine per ufficio, 
possiede alcune altre importanti ed utili funzioni nuove nel suo genere. 

Tra queste:

-Invia documenti da lastra o ADF a qualsiasi indirizzo di posta elettronica in formato PDF 
o JPEG come allegato, tramite apposita tastierina alfanumerica senza l'suo del PC via LAN. 
Se configurata correttamente accede anche alla casella di posta elettronica indicata e 
stampa i documenti eventualmente allegati all'interno dei messaggi.

-Si possono scansionare documenti da lastra o ADF e memorizzarli in una memoria (penna) USB 
eventualmente inserita nella porta anteriore presente sulla macchina. é possibile anche 
stampare eventuali documenti trovati sulla penna. E' possibile inoltre, anche memorizzare 
fax in arrivo sulla penna USB.

-Inoltre invia messaggi SMS per via telefonica (previa attivazione servizio tramite 191 o 
187 di Telecom Italia). Questa funzione risulta molto utile per inviare brevi comunicazioni 
di servizio per es.: ai clienti senza l'uso del PC.

-Dispone di by-pass per l'alimentazione di fogli manuale, utile per le stampe occasionali 
su carta personalizzata o diversa.

Specifiche dettagliate reperibili sul sito del produttore.

Per quanto riguarda la configurazione, si può agire sul pannello comandi della macchina 
stessa, ma anche operare da PC tramite collegamento USB. Quest'ultima possibilità è 
fortemente consigliata, data la semplicità e l'immediatezza di questo modo resa possibile 
da un programma apposito. 

La macchina multifunzione è corredata da un pacchetto software di gestione chiamato 
Companion Suite. I vari programmi presenti nella suite permettono sostanzialmente, oltre 
che di impostare i vari parametri di configurazione, anche di:
-gestire i contatti con la rubrica di sistema, che sarà poi visibile ed utilizzabile anche 
dal pannello di controllo, 
- inviare e ricevere i documenti fax da e per il PC,
- inviare sms,
- gestire le scansioni di documenti.

Viene anche installato l'ottimo Software Paperport De Luxe 9.0 per la gestione elettronica 
dei documenti.

La multifunzione monta una unica cartuccia toner e tamburo che nella versione più ricca 
della cartuccia di ricambio promette 4000 copie di stampa.

Al momento sarà difficile comprare cartucce rigenerate, dato che ogni sostituzione va 
abilitata con apposita card "usa e getta" presente solo nelle confezioni di cartucce 
originali. Immagino tuttavia che i vari fornitori di materiale di consumo presto 
adegueranno la loro offerta per coprire anche questo tipo di macchine "protette".

E' possibile impostare una parola chiave per inibirne l'uso a persone non autorizzate.

Conclusioni

Stiamo parlando di un macchina da circa 340 Euro ivati che incorpora la scheda rete, utile 
per le stampe in rete e l'importante funzione Scan-To-Email. Consumo elettrico di soli 350 
W circa. Nell'uso si è rivelata abbastanza semplice, una volta familiarizzato con il 
pannello di controllo. A questo prezzo non si può chiedere di più. 

D'altronde, si potrebbe desiderare ben poco di più in gruppo di lavoro: la stampa fronte-
retro e la scansione in rete locale. Per avere anche queste funzioni bisogna però almeno 
raddoppiare la spesa per l'acquisto di macchina più ricca.



 

Ultimo aggiornamento 10 giugno 2007